Da Alessandro Noro 3 minima lettura

Oggi cercheremo di fare un po’ di chiarezza riguardo l’alimentazione sana, equilibrata e corretta.

Ragioniamo per punti:

  • La quantità di cibo che oggi assumiamo è esagerata sotto tutti i punti di vista, ma principalmente in termini di quantità. Non mangiamo più per fame ma per un’abitudine consolidata, per una socialità conviviale, ma soprattutto per gratificarci e colmare delle carenze affettive.

Soluzione: Dovremmo abituarci a mangiare meno, cercando di ascoltare e capire le reali esigenze dell’organismo.

 

  • Lo squilibrio dei macro nutrienti, ossia il consumo esagerato di carboidrati e zuccheri nella moderna alimentazione.

Soluzione: Come moltissimi studi evidenziano, un consumo eccessivo di carboidrati ma soprattutto di zuccheri semplici concorre direttamente all’aumento di moltissime patologie quali obesità, diabete, malattie cardio vascolari, patologie psichiatriche (depressione, ansia, sindrome da stanchezza cronica o da iperattività), problematiche infiammatorie e non ultime problematiche di glicazione proteica che porta ad un’ossidazione dei tessuti ed un invecchiamento precoce.

Nei regimi alimentari a basso contenuto di zuccheri dove sono anche previsti dei digiuni intermittenti, si ottengono notevoli miglioramenti di salute, riduzione del peso e prevenzione di tutte le malattie metaboliche.

Ecco alcuni consigli:

  • L’importanza di una sana e ricca colazione. Al mattino l’organismo è più propenso all’introduzione di alimenti nutrienti, a differenza della sera o addirittura prima di coricarsi, dove il metabolismo rallenta e i cibi possono creare problemi durante la notte o mantenere alta la glicemia durante il sonno. Da tenere presente anche l’organizzazione della mia giornata in base alle reali necessità di dispendio energetico. Se mi alleno in pausa pranzo, la mia colazione sarà particolarmente ricca con qualche carboidrato in più. Se al contrario, mi alleno la sera, queste esigenze nutrizionali verranno spostate verso pranzo o più in là nella giornata.
    È buona norma suddividere i pasti facendo qualche spuntino per mantenere i livelli di glicemia costanti durante la giornata evitando così di abbuffarsi negli gli orari serali.
    Dovremmo poi dare una grande importanza al nutrimento, pensare effettivamente a cosa stiamo mangiando e masticare lentamente per migliorare la digestione e saziarci prima.
    Date importanza alla tavola, così da gratificare la vista e il senso estetico. Ritrovate il piacere di sapori nuovi e di un gradevole momento di condivisione.

 

  • Scegliere i cibi con intelligenza, in base alla loro funzionalità, alla provenienza, alla stagionalità, abbondando con frutta e verdura biologiche o biodinamiche da consumarsi fresche che abbiamo anche un valore terapeutico, esempio il carciofo, il tarassaco o l’asparago.

 

  • Oltre ai macro nutrienti (proteine - carboidrati - grassi) è fondamentale utilizzare cibi molto ricchi di antiossidanti, minerali, vitamine, fitonutrienti e fibre, ad esempio verdure, bacche, radici, noci, semi, per la salute del nostro intestino e la funzionalità cellulare.

 

  • È fondamentale poi assumere una generosa quota di proteine durante l’arco della giornata, sopratutto bambini, anziani e sportivi, ricordando che tutti i processi biologici sono su base proteica (tessuti, ormoni, sistema immunitario, riproduttivo, DNA…). La quota minima dovrebbe essere di 1,5 grammi di proteine pure per chilo di peso corporeo: un uomo di 70 chilogrammi dovrebbe mangiare 105 grammi di proteine al giorno, suddivise nei vari pasti.
    Abituati ad utilizzare spesso e senza paura proteine ad alto valore biologico derivate dalle uova e dal pesce, ricche di Omega 3, Vitamine del gruppo B e Vitamina D.

Prossimamente andremo a sviluppare ogni singola tematica riguardante questo affascinante mondo.

Alessandro Noro
Alessandro Noro



Anche in Notizie

VITAMINA D - UN'ANALISI RAGIONATA
VITAMINA D - UN'ANALISI RAGIONATA

Da Alessandro Noro 5 minima lettura 0 Commenti

La Vitamina D svolge un ruolo di primaria importanza per la salute. Cerchiamo di capire assieme che cos'è, come il corpo la metabolizza e quali possono essere le fonti migliori per mantenerla sempre a livelli adeguati.
La Vitamina D è un PRO-ORMONE sintetizzata a partire dal colesterolo.
Le due forme più comuni sono: COLECALCIFEROLO (Vitamina D3) e ERGOCALCIFEROLO (Vitamina D2)

LA TIROIDE
LA TIROIDE

Da Alessandro Noro 4 minima lettura 0 Commenti

La Tiroide, una ghiandola importantissima che svolge molteplici funzioni all'interno del nostro organismo. Impariamo a conoscerla e a trattarla bene adottando uno stile di vita ed un'alimentazione sana. L'integrazione può essere fondamentale per fare la differenza. Vediamo come
IL COLESTEROLO UN AMICO SOTTOVALUTATO
IL COLESTEROLO UN AMICO SOTTOVALUTATO

Da Alessandro Noro 5 minima lettura 0 Commenti

Il colesterolo è una molecola organica della famiglia dei lipidi. Svolge un ruolo di primaria importanza a livello fisiologico negli esseri viventi.  La quasi totalità del colesterolo contenuta nel nostro corpo, viene prodotta a livello endogeno da parte del fegato su base Acetil Coenzima-A derivato principalmente da carboidrati. Circa il 20% viene invece assimilato a livello intestinale e deriva dall’alimentazione.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER PROMETEK PER RICEVERE NOVITà E OFFERTE SPECIALI